Fate: The Winx Saga, la nostra recensione

Fate: The Winx Saga Cover

Il 22 gennaio 2021 è uscita la nuova serie live action Fate: The Winx Saga, creata da Brian Young e prodotta da Archery Picture in associazione con Rainbow per la piattaforma streaming Netflix.

Noi di Life is Nerd l’abbiamo vista e in questo articolo riportiamo le nostre impressioni sulla serie.

WINX CLUB: LA SERIE ANIMATA

La serie Fate: The Winx Saga è basata sull’omonimo cartone animato Winx Club creato da Iginio Straffi e prodotta da Rainbow in co-produzione con Rai e Nickelodeon. Il cartone animato, andato in onda dal 2004 al 2019, narra la storia di Bloom, una ragazza di 16 anni che scopre di essere una fata. Per imparare a controllare la sua magia entra nell’accademia di Alfea, situata nel magico mondo di Magix, inaccessibile agli esseri umani. Durante il periodo all’accademia, la giovane fata fa amicizia con Stella, Flora, Musa, Tecna e Aisha. Insieme formano il Winx club e affrontano diverse avventure per proteggere la dimensione magica.

FATE LA SERIE LIVE ACTION

Fate: the Winx saga è una serie italo-britannica di genere fantastico e narra che, nascosta in un mondo mistico chiamato Oltre Mondo, la scuola di Alfea addestra le fate nelle arti magiche da migliaia di anni. All’accademia arriva Bloom, una nuova studentessa che però è diversa dagli altri, in quanto nata e cresciuta nel mondo degli esseri umani. Di animo buono e gentile la giovane fata, infatti, cela dentro di sé un forte potere magico in grado di distruggere entrambi i mondi. Bloom per gestire questo potere deve controllare le proprie emozioni ma si rivela un compito non facile dovendo anche fare i conti con le questioni adolescenziali.

CAST E PERSONAGGI

All’ interno della serie sono stati inseriti quasi tutti i personaggi del cartone originale, anche se rivisitati.

BLOOM

Fate: The Winx Saga Bloom

Bloom, interpretata da Abigail Cowen (Dorcas in Le terrificanti avventure di Sabrina), è una sedicenne proveniente da Gardenia che viene mandata ad Alfea dopo aver quasi bruciato la casa dopo un litigio con la madre. Ciò che cambia rispetto al cartone è che invece di essere adottata, Bloom è un changeling, ossia un piccolo di fata sostituito alla nascita con un essere umano. Nel corso della serie, infatti, cerca disperatamente risposte sulla propria identità e sui genitori biologici ma sembra però esser spaventata dal proprio potere a causa dell’incidente con la madre. Inoltre nella serie di Netflix, Stella e Bloom in un primo momento non vanno d’accordo e Bloom divide la stanza con Aisha.

 In Winx Club, invece, Bloom è determina a controllare il proprio potere e a scoprire chi sia e da dove viene. Nelcartone animato è la migliore amica di Stella e condivide la stanza con Flora.

STELLA

Fate: The Winx Saga Stella

Stella, interpretata da Hannah van der Westhuysen, è una fata della luce e principessa di Solaria. A differenza del cartone, si presenta come una ragazza molto snob ed egocentrica.

Nel corso della serie però questo suo comportamento si rivela essere solo una maschera, che nasconde una ragazza molto insicura e spaventata delle aspettative della madre, la Regina Luna. Nella live action è gelosa di Sky, il suo ex ragazzo. Sky infatti viene subito colpito da Bloom con cui entra in sintonia sin dal loro primo incontro. In Winx Club, Stella, invece, appare frivola ma molto solare, è subito pronta ad aiutare Bloom e stringe facilmente amicizia con Flora, Musa e Tecna, assente nella serie live action.

 Inoltre nella serie originale Stella ha una relazione con Brandon, migliore amico di Sky, non presente nel live action.

MUSA

Fate: The Winx Saga Musa

Musa è interpretata da Elisha Applebaum. Nella serie di Netlix è una fata della mente anziché della musica e,a differenza del cartone, non è asiatica. Empatica ed estroversa, percepisce gli stati d’animo di tutti e per evitare che venga sopraffatta si rifugia nella musica con le cuffie che porta sempre con sé. Nel live action ha una relazione, inizialmente segreta, con il fratello di Terra mentre nella serie animata è fidanzata con Riven.

AISHA

Fate: The Winx Saga Aisha

Aisha, interpretata da Precious Mustapha, è una fata dell’acqua. Il suo hobby è quello di nuotare e fin da subito è disposta ad aiutare Bloom anche se non sempre la fata del fuoco lo accetta. A differenza del cartone è fin da subito una delle protagoniste e divide la stanza con Bloom. Nella serie, inoltre, non viene nominato il Regno di Andros di cui, nel cartone, è la principessa. Nel cartone Winx Club compare dalla seconda stagione e condivide la stanza con un’altra fata di nome Francis.

TERRA

Fate: The Winx Saga Terra e Flora

Terra, interpretata da Eliot Salt, è una fata della terra. Si presenta come una ragazza allegra e sensibile ma allo stesso tempo forte. Nello svolgersi della serie si prende una cotta per Dane che però la deluderà prendendola in giro con Riven per il suo peso. Nella serie viene spiegato che Terra è la cugina di Flora e che ha passato l’infanzia ad Alfea, con il fratello Sam, dal momento che il padre è un professore e lavora nella serra della scuola.

SKY

Fate Sky

Sky, interpretato da Danny Griffin, è il figlio dell’eroe di guerra Andreas di Eraklion. È il migliore degli specialisti ed è stato cresciuto come un figlio dal professor Silva, allenatore degli specialisti. Fin dal primo incontro si innamora di Bloom. Nel cartone è il principe ereditario di Eraklion e per metà della prima stagione si finge il suo amico e scudiero Brandon.

In Fate: The Winx saga non viene detto chiaramente che è il principe di Eraklion ma è possibile supporlo da una conversazione tra lui e Stella in cui il ragazzo afferma di comprendere cosa significa essere un principe e portare il peso di tale ruolo.

RIVEN

Fate Riven

Riven, interpretato da Freddie Thorp, è uno specialista e migliore amico di Sky. Ribelle e senza limiti è fin da subito è attratto da Beatrix. In Fate: The Winx saga viene rappresentato come un bullo, ma nel corso del live action si scopre che Riven era inizialmente un ragazzo studioso e intelligente che ha cambiato carattere per sopravvivere all’interno della scuola. Il classico bullizzato che diventa bullo. Nella serie animata si presenta come ribelle e tenebroso, geloso di Sky e sempre in competizione con lui. In un primo momento si allea con le Trix ed è attratto da Darcy finchè non scopre che lo aveva usato per arrivare alle Winx.

FARAGONDA

Fate Fragaonda

Faragonda, interpretata da Eve Best, nella serie live action, diventa Farah Dowling ed è la direttrice di Alfea. Si presenta come una donna forte, misteriosa e autorevole, è stata lei ha trovare Bloom e ha portarla ad Alfea. In passato è stata allieva di Rosalind, direttrice della scuola prima di lei. Nel cartone Winx Club, Faragonda è rappresentata come una fata molto potente, saggia e con una personalità calma e confortante.

NUOVI PERSONAGGI

Ai personaggi principali sono stati aggiunti alcuni nuovi come Beatrix, interpretata da Sadie Soverall, una fata dell’aria. Èambiziosa, appassionata di storia dell’Oltre Mondo e nel corso della serie sembra avere intenzioni ambigue.

Dane, interpretato da Theo Graham, è uno specialista insicuro che si fa trascinare dalla personalità di Riven, dal quale è attratto.

Sam, interpretato da Jacob Dudman, una fata della terra e fratello di Terra, ha una relazione con Musa.

 Il professor Saul Silva, interpretato da Robert JamesCollie, è l’allenatore degli specialisti e il professor Ben Harvey, interpretato da Alex Macqueen , padre di Terra e Sam e professore di botanica.

Altri personaggi nuovi e particolari sono i bruciati, creature mostruose e scheletriche dall’aspetto umanoide. Queste creature sembrano un incrocio tra gli ossuti di Warm Bodies, zombie che hannoperso ogni briciolo di umanità lasciandosi decomporre, e gli spaccati di The Maze Runner, esseri umani infettati da un virus che li ha trasformati in zombi.

INCLUSIVITA’ DELLA SERIE

Un altro aspetto che da subito all’occhio nella presentazione dei personaggi è l’inclusività. E’ diventata un requisito imprescindibile negli ultimi anni e la si può ben notare nella caratterizzazione dei personaggi. L’aspetto fisico di Terra, l’orientamento sessuale di Dane e l’evidente parità di genere all’interno della scuola composta da fate e specialisti di entrambi i sessi sono alcuni esempi.

LO STILE E L’AMBIENTAZIONE

Le riprese sono iniziate a Wicklow, in Irlanda, nel settembre 2019 e terminate il 13 dicembre dello stesso anno. I luoghi principali della prima stagione sono stati gli Ashford Studios ad Ashford, dove è stata girata anche la serie Vikings, la Killruddery House e gli Ardmore Studios a Bray.

In Fate: The Winx saga l’ambientazione è più cupa, i colori non sono accesi e vivaci come nella versione animata ma più scuri. Alfea è molto simile a quella del cartone, si presenta come un grande castello dalle pareti bianche, i tetti blu e un vasto giardino che circonda la scuola.

Fate: The Winx Saga Alfea

Per quanto riguarda lo stile si è passato da quello fiabesco e adatto ad un pubblico di bambini, ad uno più dark e maturo.

L’ORIGINALITA’ NELLA SERIE

Nella serie non manca di certo l’originalità. Per giustificare la mancanza delle ali la preside Dowling spiega che le fate si sono evolute al punto di non averne bisogno. Durante il dialogo tra lei e Bloom viene, inoltre, lanciata una frecciatina alla fatina Trilli che la Dowling dichiara essere una fata dell’aria mentre nell’immaginario Disney è una fata tuttofare.  

Un altro elemento è la manifestazione dei loro poteri. Nella serie è possibile capire quando le protagoniste usano i loro poteri dai loro occhi che cambiano colore. Inoltre Bloom riesce a “trasformarsi” facendo apparire delle ali dalla forma fiammante e indefinita. Le ali ricordano molto la kagune di tipo Ukaku di Touka Kirishima di Tokyo Ghoul.

Un’altra novità è un changeling, ovvero un piccolo di fata che viene scambiato alla nascita con un essere umana. Nella serie animata Bloom è stata semplicemente adottata dopo essere stata salvata dalle fiamme dal padre mentre nel live action hanno introdotto questa nuova figura.

IN CONCLUSIONE

Fate: The Winx saga ha avuto molte critiche fin da prima del suo debutto. I fan del cartone hanno protestato su molti degli elementi che sono stati modificati ma il live action, come specificato più volte dagli autori, è solo ispirato alla serie animata andando a creare una trama originale per un pubblico youngadult. Nonostante i pregiudizi e le critiche ha riscosso un grande successo che la porterà forse ad un rinnovo.

Follow & Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.